COMPITI e FUNZIONI

Le funzioni istituzionali sono quelle individuate dal Codice dei beni culturali e del paesaggio, Decreto legislativo n° 42 del 22 gennaio 2004.

Esse consistono nella conservazione, tutela e promozione del patrimonio documentario prodotto negli anni antecedenti all’Unità d'Italia dalle magistrature del Principato Ulteriore e, in successione cronologica, dai nuovi organismi amministrativi e giudiziari avvicendatisi sul piano istituzionale.

SalaIngresso

La funzione di conservazione va ben al di là della semplice custodia e salvaguardia del bene archivistico così come si può esplicare con interventi di restauro, disinfestazione e così via.
Si estende infatti ai concetti di ordinamento, inventariazione, descrizione delle unità e delle serie scientificamente individuate fino a produrre gli strumenti e le chiavi di ricerca utili per la conoscenza approfondita del bene culturale archivistico.
 
La funzione di tutela si esplica sui complessi documentali di proprietà dello Stato. Nell’ambito di tale funzione l’Archivio partecipa alle Commissioni di Sorveglianza e Scarto istituite presso gli organi periferici amministrativi e giudiziari.

La funzione di valorizzazione si esplica nelle varie attività di promozione, organizzazione di eventi, mostre e convegni, conferenze, pubblicazioni, visite guidate: un complesso di attività finalizzate ad allargare e qualificare la fruizione del bene archivistico. In tale ottica, anche i compiti tradizionali dell’ordinamento e dell’ inventariazione hanno acquisito una connotazione di valorizzazione. Lo studio, la riproduzione, la ricerca, l’organizzazione sistematica di banche dati contribuiscono a creare valore ai documenti conservati.